La strumentazione degli U2 torna a casa a Dublino

A quasi un mese dalla chiusura del 360 Tour anche la strumentazione degli U2 torna a casa a Dublino e precisamente agli Hanover Quay Studios che, come molti di voi sapranno, sono stati il teatro degli ultimi 10-15 anni di album degli U2.

Come possiamo vedere nelle immagini qui sotto, trovate su Interference, nei giorni scorsi diversi camion sono arrivati agli studios per scaricare il materiale che ha permesso agli U2 di suonare in giro per il mondo in questi 2 anni abbondanti di tour.

Triste fine per un fan degli U2 alla ricerca del Joshua Tree

E’ di oggi la triste notizia di un fan degli U2, in vacanza negli Stati Uniti assieme alla fidanzata, morto nel deserto del Joshua Tree National Park alla ricerca del luogo dello scatto della copertina dell’album The Joshua Tree.

L’olandese Guus Van Hove e la sua fidanzata tedesca erano in vacanza in California e avevano deciso di ritrovare il luogo esatto dove nel 1986 Anton Corbjin aveva scattato la famosa foto al Joshua Tree diventata poi copertina dell’album omonimo e simbolo di una generazione di fan.
Lunedì scorso però la temperatura al Joshua Tree National Park ha raggiunto i 45°C ed è risultata fatale alla coppia che è stata trovata nell’auto lungo la Black Eagle Mine Road nel parco nazionale californiano…

Per dovere di cronaca però la coppia si trovava nel punto sbagliato dove cercare il posto ritratto da Corbjin. La foto che tutti conosciamo e il relativo albero (oggi morto), non si trovano come verrebbe facilmente da pensare al Joshua Tree National Park, ma si trovano in un altro parco nazionale della California: la Death Valley. La Death Valley si trova a centinaia di miglia più a nord del Joshua Tree Park ma a temperature spesso superiori (in estate si raggiungono anche i 55°C) ed è sconsigliata dai rangers locali la visita in orari centrali data la facilità con cui auto ed esseri umani possono restare pericolosamente (e fatalmente) bloccati anche per ore prima che possano arrivare i soccorsi.

La coppia è stata trovata completamente disidratata e, date le alte temperature, i medici hanno stabilito che in sole due ore hanno perso la vita.
Il nostro pensiero e dispiacere va oggi a ricordare questi giovani fan scomparsi prematuramente.

Fonte: LA Weekly

Rumor: gli U2 sono già al lavoro sul nuovo album ad Eze?

A nemmeno un mese dalla fine del 360 Tour gli U2 non sembrano essersi fermati. Proprio in questi giorni, come molti di voi già sapranno, Bono e The Edge, con relative famiglie sono stati avvistati in Costa Azzurra (dove hanno casa).

Proprio oggi pare che alcuni fan, presenti ad Eze dove Bono ha casa, abbiano ascoltato alcune canzoni definite “nuove” con la voce di Bono dal vivo.
Sempre secondo Max la base sulla quale Bono avrebbe cantato non sembra essere di nessuna canzone nota e mai pubblicata…

La band è già al lavoro per un nuovo album oppure sta approfittando della lunga scia post tour per riprendere in mano materiale rimasto dalle vecchie sessioni del famoso e mai pubblicato “Songs of Ascent”?

Grazie a Max per la segnalazione

Bono e gli U2 in copertina su RollingStone Germany

L’edizione tedesca di Rollingstone del prossimo mese ha in copertina Bono, ai tempi di Achtung Baby, e all’interno è contenuto uno speciale sul ventennale di Achtung Baby e l’uscita discografica relativa a fine ottobre (vedi news).

Anche Rollingstone in versione italiana farà uno speciale per l’evento nei prossimi numeri?

Gli U2 e i Pearl Jam apriranno il Toronto Film Festival

U2 Achtung Baby

In occasione del prossimo “International Toronto Film Festival” l’8 settembre 2011 gli U2 presenteranno in anteprima mondiale il loro film-documentario “From The Sky Down” come già anticipato a fine luglio in questo articolo.

Il film documentario è stato diretto da Davis Guggenheim, già regista di It Might Get Loud, un docu-film sui chitarristi rock che aveva già puntato lo sguardo su The Edge degli U2, in occasione del ventennale dell’uscita di “Achtung Baby” e sarà anche contenuto nell’edizione Deluxe del cofanetto che la band, come molti di voi già sapranno, pubblicherà il 31 ottobre prossimo (vedi articolo).

Quello degli U2 non sarà l’unico documentario rock dell’edizione del festival, anche i Pearl Jam infatti presenteranno il loro attesissimo film “Pearl Jam Twenty” diretto da Cameron Crowe.

Per maggiori informazioni potete consultare il sito ufficiale del festival:

I Red Hot Chili Peppers come gli U2 e i Beatles?

Come molti di voi ricorderanno gli U2 hanno suonato e registrato il video di una delle loro canzoni più belle e famose, Where The Streets Have No Name, sul tetto di un negozio di liquori a Los Angeles.
Nella storia della band irlandese però non è stato l’unico video registrato sul tetto di un edificio: nel 2000 infatti gli U2 hanno suonato Beautiful Day sul tetto del Clarence Hotel di Dublino regalando così ai loro fan un secondo video.
Ma non tutti ricorderanno che anche nel 2009 gli U2, durante il minitour di presentazione di No Line On The Horizon, suonarono sul tetto degli studios della BBC diverse canzoni tra cui Magnificent e Beautiful Day.

Ma non esistono solo gli U2 e prima di loro anche i leggendari Beatles suonarono sul tetto della casa discografica “Apple” il 30 gennaio 1969 a Londra…

Da pochi giorni è stato pubblicato anche il video ufficiale di un altro grande gruppo della storia della musica, i Red Hot Chili Peppers, e che loro hanno eseguito dal vivo il loro nuovo singolo “The Adventures Of Rain Dance Maggie” sul tetto di un edificio a Venice Beach, in California.

Vi proponiamo di seguito alcuni dei video sopracitati

U2 – Where The Streets Have No Name (Los Angeles) – 1987

Magnificent live from Regent Street (BBC) – Londra 2009

U2 – Beautiful Day (Dublino) 2000

Red Hot Chili Peppers – The Adventures of Rain Dance Maggie (Venice Beach) – 2011

The Beatles – Rooftop concert – London 1969

Il Fatto quotidiano attacca Bono e gli U2, voi cosa ne pensate?

Ieri è apparso, sul “Il Fatto Quotidiano“, un articolo di Andrea Scanzi su Bono, gli U2 e i cambiamenti che il leader della band ha avuto dagli esordi ad oggi: tasse, attivismo politico, cambiamenti stilistici musicali e non.
Premesso che su alcuni punti l’articolo pecca di retorica e su altri forse di giudizi affrettati, su altri potrebbe anche non avere tutti i torti. Voi cosa ne pensate?
Vi invitiamo a discuterne sulla nostra pagina di Facebook e sul nostro Forum.

Ecco l’articolo che vi linkiamo e lasciamo a voi il giudizio che, a nostro parere, è in parte troppo severo e affrettato su una delle più grandi rockstar e cantautori della storia della musica.

Che poco di Bono – Il fatto quotidiano

Gli U2 donano 7 milioni di dollari alle scuole di musica irlandesi

La band ha annunciato di aver donato circa 7.2 milioni di dollari fino al 2015 per aiutare i fondi delle scuole di musica irlandesi per bambini.

La decisione è arrivata quando il governo irlandese aveva annunciato i tagli all’educazione pubblica per circa 8.6 milioni di dollari, a quel punto la band ha deciso per la donazione in modo da non far mancare il necessario per maestre e alunni.

Circa il 50% dei fondi saranno utilizzati per progetti che aiuteranno lo sviluppo di gruppi locali come Music Generation e Vocational Education Authority nella contea di Sligo.

Fonte: perezhilton.com

Bono e Facebook, investimenti e cifre record sul social network

Come già vociferato mesi fa, Bono, attraverso la Elevation Partner, ha investito una cifra sul social network di Palo Alto che oggi, se venisse venduta, frutterebbe circa 800 milioni di dollari.
La Elevation Partner (società di cui Bono è socio fondatore) era riuscita ad arrivare alla cifra di 210 milioni di dollari nel novembre 2009 mentre oggi riuscirebbe a valere circa 975 milioni di dollari.
A seguito della vendita di una quota della pubblicità da parte di Interpublic Group altri investitori hanno potuto ricapitalizzare il propri guadagni sul social network.

Facebook, ad oggi, viene valutata circa 65 miliardi di dollari quando fino a gennaio era arrivata alla soglia dei 50 miliardi.

A questo punto Facebook diventa l’investimento più importante per la Elevation Partner che inizialmente, nel 2009, aveva investito sul social network di Zuckenberg una cifra “minima” per non rischiare troppo.

All’inizio del 2011, Forbes, aveva nominato gli U2 come i musicisti più pagati al mondo grazie ai guadagni del 360 Tour valutati 736 milioni di dollari.

Fonte: The Guardian

Lieve malore per Bono (update: U2.com smentisce la notizia)

A quanto pare una vacanza un po’ movimentata per Bono che è stato portato in ospedale dalla moglie Ali per un lieve malore.

Il cantante era in vacanza sulla Costa Azzurra quando è stato colto da dolori al petto e da tachicardia.
Subito condotto all’ospedale di Monaco è stato visitato dai medici e, dopo 48 ore di esami (tra le giornate di mercoledì e giovedì), la sera di venerdì è stato avvistato mentre cenava con la moglie e alcuni amici in un lussuoso ristorante.
Sembra nulla di grave quindi, eccetto un grandissimo spavento per tutti.

Fonte

update ore 23.45:
Sembra essere stata smentita la notizia sul malore di Bono, a renderlo noto è U2.com secondo cui Bono si starebbe godendo tranquillamente le vacanze nel sud della Francia con la famiglia, godendo di ottima salute