Continuano le prove degli U2 a Torino per i concerti del 4 e 5 settembre [Spoiler]

11986470_10154362763003475_5676757641388884368_n

Ph BatsMauro/U2Place.com

Questa notizia contiene degli spoiler sulle canzoni provate nella giornata di ieri

02/09

aggiornamento ore 22.40, dalle ore 21 circa di stasera gli U2 sono all’interno del Pala Alpitour a provare in modo prolungato. Dapprima Bullet intera, quindi Zooropa snippet e la prima parte di Where The Streets Have No Name.
Si sta delineando un fantastico passaggio Every Breaking Wave, October, Bullet The Blue Sky e Streets. Quindi sentita qualche parte di The Fly, non si sa bene se verrà suonata o se sarà l’intermission di Gavin Friday.
Successivamente è stata provata Invisible intera, Even Better Than The Real Thing, Mysterious Ways, Ordinary Love e Pride.

I fan all’esterno ci rassicurano sulla voce del nostro caro Bonovox, alto fin dove deve arrivare.

Aggiornamento in continuo di questa pagina, cari fan U2 manca sempre meno al nostro momento!

aggiornamento ore 17.10: A due giorni dal primo concerto di Torino, continuano a buon ritmo le prove. Oggi nel primo pomeriggio sono arrivati Bono ed Edge ed in seguito il resto della band. Solo Adam si è fermato qualche minuto con i fan che accompagnano i nostri in questo calorosissimo benvenuto.
Ci aggiorna Luca MLK che oggi è stato il turno di Bullet The Blue Sky, Zooropa, Elevation, Where The Streets Have No Name, Raised By Wolves, tutte suonate full band, alcune intere, altre solo alcuni pezzi o semplici snippet Mentre in precedenza, hanno provato altri pezzi ma senza il nostro cantante.
Pochi istanti fa, gli U2 hanno provato altri dettagli e vari passaggi, soprattutto su Zooropa, che sembra proprio essere prossima al debutto in questo ieTour, forse in sostituzione dello snippet The Hands That Built America. Ieri Bono, sul finale di Bullet The Blue Sky, ha accennato  l’Inno alla gioia, che è anche l’inno europeo.

Vi rimandiamo ai futuri aggiornamenti.

 

01/09

Continua l’avvicinamento all’esordio dell’ieTour in Europa ed anche oggi la band non ha perso tempo, arrivando al Pala Alpitour per provare in vista dell’attesissimo concerto di venerdì.
Dopo la promessa di Bono, oggi giornata molto fortunata per i fan della nostra band, che hanno visto premiata la perseveranza dell’attesa, con un meraviglioso meet and greet con Bono durato una ventina di minuti e con Adam, uscito qualche momento dopo.

Luca MLK ci aggiorna che le prove sono terminate da poco, la band al completo, dopo cena ha provato due volte Bullet The Blue Sky e nuovamente l’outro di Zooropa. Prima di cena invece, hanno suonato Cedarwood Road, Raised By Wolves, Where The Streets Have No Name, Invisible, The Miracle e Song For Someone con la voce di Bono in base.
Quindi Edge ha provato la parte di piano di New Year’s Day.

Appena ci saranno ulteriori sviluppi saremo in grado di aggiornare la pagina con info, foto e ogni video.

5351b21f429f17bf50bbc6784c90d297

31/08/2015

Nella giornata di ieri sono cominciate le prove degli U2 in vista delle prima date europee al Pala Alpitour di Torino.
A partire dalle ore 13 abbiamo ricevuto numerose segnalazioni della presenza della band irlandese all’interno della venue torinese e questo ha scatenato un ‘invasione’ pacifica dei fans che non aspettavano altro che ascoltare i loro idoli che si stanno preparando ad una nuova leg del iNNOCENCE+eXPERIENCE Tour.
Un membro del nostro staff ci ha riferito che a partire dalle ore 17 si sono sentite distintamente le prove della band, che ha provato i seguenti pezzi:
- New Year’s Day, canzoni mai eseguita in questo tour ma pezzo storico della band sempre suonato nei tour passati;
Bullet the Blue Sky, il grande ritorno in questo tour del pezzo più ‘duro’ di The Joshua Tree, sempre presente nella leg americana;
–  ‘Every Breaking Wave’ nuovo pezzo di ‘Songs of Innocence’, eseguita sempre in versione ‘alternative';
‘Zooropa/outro’ canzone portante dell’album omonimo uscito nel 1993, ritornata in auge nel 2011 durante l’ultima parte del 360 Tour;
- ‘October’, pezzo storico della band tratto dall’album omonimo del 1981 e suonata per la prima volta dopo 25 anni il 18 luglio scorso durante la prima data al Madison Square Garden di New York.

Successivamente a questo primo approccio della band al Pala Alpitour, Bono intorno le ore 20 ha saluto i fans in attesa della band e ha dato appuntamento a tutti tra poco intorno le ore 14.
Ecco un video dell’incontro di Bono con i fans:

Bono a Torino 31/08/15Bono stasera a Torino! #AmplyRed #U2PlaceTour #Torino

Posted by U2place on Monday, August 31, 2015

Vi invitiamo a seguire i nuovi aggiornamenti qui e attraverso i nostri canali su Facebook e Twitter dove riporteremo tutti le notizie direttamente dalla venue torinese dove sicuramente la band irlandese comincerà una nuova sessione di prove in vista dei concerti di venerdì e sabato

ore 17

Intorno le ore 16 Bono è arrivato al Pala Alpitour intrattenendosi con i fans e mantenendo la promessa di ieri.
Anche Adam Clayton ha fatto qualche scatto insieme ai numerosi fan che erano presenti. Ecco le prime immagini:

PH Luxy-Batsmauro-Daniela/U2Place.com

d19e756a2cfb0495a5b91f6c4aea6b5a

5351b21f429f17bf50bbc6784c90d297

94186530cdbf26d19541785f3e41dee5

70eec194f4c1f6e8b77a662d6c8f456b

Prime notizie da Torino: lunedì 31 agosto inizieranno i preparativi in vista dei concerti degli U2!

1401x788-GettyImages-481275934

Mancano 9 giorni ai concerti degli U2 a Torino e già arrivano le prime notizie.
Abbiamo appena saputo da un nostro placer Batsmauro che probabilmente nella giornata di lunedì 31 agosto inizieranno i lavori da parte della crew della band irlandese per l’allestimento del palco.
Al momento non abbiamo saputo se e quando arriverà la band che sicuramente farà delle prove prima dei concerti del 4 e 5 settembre al PalaAlpitour che rappresentano le prime date europee del iNNOCENCE+eXPERIENCE Tour dopo le 8 date di New York al Madison Square Garden del mese scorso.

Vi invitiamo a monitare la situazione in merito ai preparativi, visto si susseguiranno nuovi aggiornamenti in questi giorni che verranno riportati quanto prima.

Altresì vi diamo notizia che nella giornata di ieri sono stati rimessi in vendita alcuni biglietti (settori vari) da parte di Ticketone per i concerti della prossima settimana.

Grazie a Batsmauro per la segnalazione

Gli U2 ieri nel Senese per il matrimonio della figlia di The Edge!

Una foto pubblicata da U2 Official (@u2) in data:

Dopo una foto comparsa sul profilo ufficiale degli U2 su Instagram si è scatenata, nella giornata di sabato, la ricerca degli U2 in Toscana. La foto postata da The Edge ritraeva un paesaggio toscano.
Molti fan, probabilmente residenti in loco, hanno provato ad indovinare dove fosse la band e in particolare The Edge e qualcuno è riuscito ad indovinare la location: Relais San Felice, Castelnuovo Berardenga, vicino a Siena.
La famiglia Evans e il resto della band si trovavano infatti in Toscana per il matrimonio della figlia maggiore di The Edge: Hollie Evans.
Bono ha anche cenato in centro a Siena ieri sera (nella foto qui sotto) al ristorante Il Divo.

The Edge ieri alla Taverna della Berardenga.

The-Edge-a-Castelnuovo (1)

Bono sarà all’Expo il prossimo 6 settembre 2015

11825834_963088893713497_7676981419429397777_n

Bono, dopo i due concerti che si terranno a torino il 4 e 5 settembre prossimo, parteciperà ad un evento a sostegno della Carta di Milano e del lavoro del World Food Programme all’EXPO di Milano il giorno successivo 6 settembre.
A darne la notizia con un tweet è stato il Ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina. Il 6 settembre è infatti in programma questo evento contro la fame nel mondo a cui parteciperà anche il presidente del consiglio Matteo Renzi, il ministro dell’Agricoltura d’Irlanda Simon Coveney e ovviamente Maurizio Martina autore del tweet.

Bono e The Edge presenziano al “JohnLennonDay” assieme a Yoko Ono

Bono, The Edge e Yoko Ono

Durante la giornata di ieri (29 luglio 2015) Bono e The Edge hanno partecipato, assieme a Yoko Ono, moglie di John Lennon, al “JohnLennonDay” ad Ellis Island, New York City.
Ecco una galleria di foto dell’evento

Bono & The Edge in occasione del "JohnLennonDay" ieri ad Ellis Island, NY (29 july 2015)

Posted by U2place on Thursday, July 30, 2015

“Le persone hanno il potere di scacciare dal mondo gli stolti” | U2.com

large

Vi proponiamo una traduzione dell’ultima notizia su U2.com, un breve riassunto della terza serata di Montreal.

People got the power…‘ Ogni sera questo show comincia con Patti Smith, la band arriva sul palco mentre la sua voce risuona negli altoparlanti. ‘To dream… to rule… to wrestle the earth from fools‘.
E questa notte le parole di Patti hanno concluso anche lo show, quando alcuni fan in visibilio sono saliti sul palco durante ‘Streets‘.
E’ stata una di quelle chiusure dei concerti che raramente abbiamo visto. ‘Tutte queste persone sul palco‘ ha twittato @u2_ultraviolet, ‘E’ stupendo! Dio quanto amo questa band…
Con tutti seduti attorno alla band, la serata si è conclusa con una versione dolce di ‘Still Haven’t Found‘, Bono ha lasciato il palco con le parole di Patti ‘Le persone hanno il potere, le persone hanno ottenuto il potere… di sognare, di definire le regole, di scacciare dal mondo i pazzi‘. Surreale e meraviglioso.
Se questo è stato un momento per portare #U2ieTour ad un’altra dimensione, questo è un tour che continua a prendere nuove forme. Questa sera ‘The Troubles‘ è tornata in scaletta al posto di Volcano, due brani dall’ultimo album, suonati solo tre volte prima di questa sera. Come ha ribadito atu2, un terzo della scaletta viene da Songs Of Innocence.

Ieri un ragazzo chiamato Brian è salito sul palco per suonare la chitarra durante il ‘momento Meerkat‘. All’inizio nessuno era convinto che Brian potesse farcela, ma Brian ha dimostrato che ci stavamo sbagliando. Brian può suonare la chitarra e Brian può suonare e cantare stasera, con Brian e Bono a cantare, Desire è diventata mondiale.

Nel caso ve lo foste perso, ieri [l’altro ieri], Bono ha visitato il Parlamento ad Ottawa per parlarre della lotta contro l’estrema povertà nei paesi in via di sviluppo. ‘E la prima domanda che mi è stata fatta è stata “Dov’è The Edge?”‘.
Volevo rispondere che lui è ovunque, è onnipresente, è tutto intorno a noi!‘.
E’ stato un incontro, ha spiegato, che gli ha ricordato che ‘il mondo ha bisogno di più del Canada‘.
Questo è un anno di elezioni, dite ai vostri politici chi comanda, voi comandate… e quello che il Canada sta facendo per la salute delle madri e dei figli sta dando la linea guida al pianeta e vi ringraziamo per la vostra generosità, grazie per il vostro supporto alla One Campaign‘.

Elimineremo dal mondo la trasmissione dell’HIV tra madri e figli nei prossimi cinque anni, possiamo promettercelo a vincenda?‘.

Messaggio di Bono all’Expo contro la fame nel mondo

In occasione di un incontro presso l’Expo di Milano, organizzato da Coldiretti e dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, è stato proiettato un video messaggio di Bono, che invita il mondo a riflettere sul messaggio di Papa Francesco. ”Uniti come un mondo solo, una famiglia umana” dice Bono nel suo appello “Sinistra e destra insieme, ricchi e poveri. Tutti i popoli, tutte le religioni. Insieme possiamo costruire una famiglia umana con cibo per tutti, per supportare il rinnovato Giubileo al quale chiama Sua Santità Papa Francesco. Fate pervenire questo umile messaggio a Papa Francesco, di cui sono un grande fan e chi non lo è? Papa Francesco, la Sua solidarietà con i più vulnerabili ha davvero ispirato me e tanti di noi oltre le parole, oltre la musica e vogliamo lavorare con Lei su questo”.
L’appello è stato mostrato in anteprima al Padiglione della Coldiretti in occasione della presentazione del libro Terra e Cibo.

Così gli U2 danno l’addio a Dennis Sheehan

Ieri, per cause naturali, Dennis Sheehan, lo storico tour manager degli U2 ci ha lasciati all’età di 68 anni (era nato a Wolverhampton nel 1947).

Dennis

Sheehan collaborava con la band da più di 30 anni.
E’ stato ritrovato senza vita presso il Sunset Marquis Hotel di Hollywood.
Tutto questo mentre la band si preparava alla seconda data al “Forum di Inglewood” di Los Angeles.
Le parole arrivate da Bono riassumono quello che da sempre si respira nell’entourage degli U2, quella di rapporti umani fortissimi che vanno oltre la semplice collaborazione lavorativa:

“Abbiamo perso un membro della nostra famiglia. Non era solo una leggenda nel business della musica era una leggenda nella nostra band. E’ insostituibile”

queste le parole apparse su in una nota rilasciata dallo stesso Bono.

Neanche il tempo di realizzare quanto accaduto e gli U2 salgono sul palco e al termine di uno dei concerti più difficili della loro storia recente decidono di chiudere la serata suonando “40”, traccia inserita nell’album “War” per lungo tempo utilizzata come chiusura dei loro concerti.

Alcuni nel nostro forum hanno ricordato che nello storico concerto di Red Rocks il pubblico non partì subito con il coro alla fine di 40, a quel punto lo stesso Sheehan prese a sorpresa un microfono iniziando a scandire il celebre “How long” trainando di fatto il pubblico.

E’ bello pensare che la scelta non sia stata fatta a caso e che ieri notte presso Los Angeles Dennis abbia aiutato ancora una volta tutto il pubblico presente e gli appassionati da casa a intonare questo storico pezzo, forse troppe volte messo da parte.

Rolling Stone: ‘dentro l’iNNOCENCE+eXPERIENCE Tour’ il racconto di Bono e The Edge

11259727_573997632740390_6492443040800700885_n

Vancouver, British Columbia: un viaggio all’interno del nuovo tour mondiale degli U2, un viatico dove ad accompagnarci sono i protagonisti massimi dello show, Bono & The Edge, che raccontano in questa intervista a Rolling Stone, pensieri, aspettative ma sopratutto ciò che li hanno spinti nuovamente oltre, alla progettazione di un nuovo concetto di live performance.
Innovazione, contrapposta all’esperienza (eXPERIENCE) che è basilare nelle anime dei due rockers irlandese, come Bono che definisce Iggy Pop (definizione estrema e massima del frontman) fino a The Edge, cercatore della perfezione assoluta in pensieri e azioni.

Ecco a voi la traduzione completa dell’articolo pubblicato dalla rivista Rolling Stone.

‘Dietro le quinte degli show degli U2: Domande e risposte con Bono e Edge’

Ricordi e megaschermi: la band analizza la conquista dell’arena dal soffitto fino alle setlist:

Mancano circa 25 ore dall’inizio del tour Innocence + Experience alla Rogers Arena di Vancouver e Bono è seduto accanto a Edge su un divano felpato nell’area backstage. Sta armeggiando con un laptop e guarda una registrazione delle prove del tour. Proprio fuori dalla porta, brandendo degli walkie talkie il personale corre freneticamente in ogni direzione in vista del grande spettacolo, ma Bono sembra completamente rilassato. Adam Clayton entra, gli porge una coppa di te e poi sparisce. Ci hanno detto di sedere tra Bono e Edge, sapendo che i loro impegni sono dannatamente ravvicinati e hanno solo 20 minuti per chiacchierare.
Avevamo preparato 21 domande, ma sapendo che Bono non è un uomo di poche parole, riusciamo a fargliene soltanto otto. Ma la band intende trattare molti argomenti – anche se non abbiamo discusso dei progressi di Songs of experience o verificato se hanno finalmente deciso di suonare super rarità del calibro di Acrobat e Drowning man.

Rolling Stone: Quando avete iniziato a pensare a questo tour, quali erano i vostri obiettivi? Cosa volevate ottenere?

The Edge: ‘Penso che abbiamo deciso molto presto che volevamo partire indoor e vedere come veniva. Poi è stata davvero una questione di “se suonassimo indoor e facessimo qualcosa di opposto a quanto fatto con lo scorso tour outdoor, come sarebbe?” La venue è stata la prima considerazione. Cosa possiamo fare che sia unico per quella sede indoor?’

Rolling Stone: Bono, che ne dici?

Bono: ‘Come una sorta di sfida per noi, abbiamo avuto questa idea che avremmo dovuto suonare le prime canzoni soltanto sotto una lampadina. E’ stato così fin dal principio. Ora non ne stiamo parlando in senso letterale, ma simbolico. L’abbiamo considerato un simbolo durante lo show. La lampadina è un simbolo della parte più intima della vita di ciascuno. Le vite nelle loro camere da letto. Le vite nelle loro cucine. Le vite lontane dai riflettori. Il n. 10 di Cedarwood road aveva una lampadina senza copertura perchè penso che ai tempi fosse alla moda. Quel posto è stato un’incubatrice di idee, un’incubatrice per le prime canzoni, per le prime ambizioni di poter seguire le ragazze a casa da scuola e progettare di vederle il weekend.
Ognuno si è formato in quello spazio. Per anni ho detto in giro che nel mio caso la megalomania non era necessariamente innata. Me l’hanno suggerita John Lennon, Bob Dylan, più tardi Joe Strummer. L’idea che le tue idee posso essere di qualche valore per gli altri, nella sua essenza, è molto arrogante. E’ da lì che è nata per me, fu sotto quella lampadina.
 
Rolling Stone: Immagino che la prova più dura nel creare un tour come questo sia quella di fare qualcosa di diverso. Deve essere stato difficile pensare a qualcosa di nuovo e fresco.

The Edge: ‘Nuovo, fresco e a prezzi accessibili era come volevamo che fosse. Nelle prime riunioni stavamo davvero cercando di spingerci al limite del possibile. Avevamo ogni tipo di stanze gonfiabili che fluttuavano nell’arena, alcune idee folli. E’ divertente come funzioni sempre per noi, lasciar  andare le idee senza limiti per poi lentamente, nel tentativo di essere più pragmatici e stringendo su tutto, finire con alcune delle stesse idee. Per esempio, la camera da letto è sempre li. Non è una camera che fluttua. Ora fa parte di uno schermo divisore che usiamo.
La prima cosa era di permettere all’immaginazione di correre libera per poi di cominciare a riportarla a posto. Poi iniziano le cose più pratiche come “quanto peso può sopportare il soffitto dell’arena?”. Stiamo appendendo tutti gli impianti di amplificazione, stiamo appendendo questo grande schermo. Stiamo andando all’ennesima potenza assoluta di ciò che è possibile’.

Rolling Stone: Appendendo le casse per tutta l’arena, ottenete un suono molto migliore rispetto a qualsiasi cosa io abbia mai ascoltato.

The Edge: ‘Ci stiamo in pratica grattando la testa chiedendoci perchè nessuno l’abbia mai fatto prima. E’ un fantastico modo di approccarsi al suono in un’arena. Finora tutti, inclusi noi, hanno sempre messo le casse ad un estremità, vicino al palco, sparando il suono per tutta la lunghezza dell’arena. Quello che stiamo facendo con questo show è di seguire il profilo della circonferenza della struttura  e di mettere le casse sopra le persone. Così non siedi mai più lontano di 50 piedi (15 metri ndr) da una serie di casse. Tutto trasmette il suono allo stesso tempo, così non hai nessun problema di allineamento con le altre casse’.

Bono: ‘Non è coinvolto qualche algoritmo del suono?’

The Edge: ‘No, non ci dovrebbe essere’.

Bono: ‘Sei sicuro?’

The Edge: Yeah!

Bono: ‘Alcune persone pensano che suoni meglio del 20% di qualsiasi altro impianto audio in un’arena. Se suoneremo male, non avrà importanza. Sentirete più chiaramente gli errori’.

The Edge: ‘E’ davvero perché le casse sono così vicine a voi che non c’è nessun riallineamento sonoro da prevedere. Fondamentalmente porta a tutti il suono nello stesso istante’.

Rolling Stone: Potete parlarci un po’ del fatto di aver diviso l’arena in due con schermi LED e l’idea che sta alla base di questa scelta?

Bono: ‘E’ un esperimento che verificheremo davvero solo domani per la prima volta. Ma senti, noi siamo una band che tende a provocare divisioni come mi ha detto uno dei più grandi critici musicali Robert Hilburn “La cosa migliore degli show dei Rolling Stones è che ti portano a sentirti grande. La cosa migliore degli show degli U2 è che ti fanno sentire fiero di chi è accanto a te.”
Abbiamo una vera connessione con il nostro pubblico, ma fuori dal Madison Square Garden può essere difficile essere un fan degli U2 perché siamo in giro da molto tempo. Suscitiamo sentimenti molto forti nelle persone. La gente ci ama o ci detesta. Sull’album precedente, No line on the horizon, c’è una canzone chiamata “Cedars of Lebanon” con un verso che dice “Pick your enemies carefully because they’ll define you. Make them interesting” (Scegli bene i tuoi nemici perché ti definiranno, rendili interessanti). Questo perché resteranno tali per tutta la tua vita. L’idea principale dietro a Innocence+Experience è questo movimento da “noi e loro” a “non ci sono loro,
ci siamo solo noi”.
Quando eravamo più giovani i nostri nemici erano chiaramente tracciati, molto visibili. Erano molto reali, non erano immaginati. E noi ci organizzavamo contro di loro, che questo fosse con Amnesty International o gruppi anti-apartheid. Quando diventi adulto, inizi a scoprire che il nemico più pericoloso che incontrerai nella tua vita è spesso te stesso. Sei tu il più grande ostacolo sulla tua strada. Improvvisamente il panorama cambia. Non so chi ha scritto il verso “Ho incontrato il mio nemico ed ha in parte ragione”, ma è un grande verso. E’ più difficile negoziare. E’ davvero la tua stessa ipocrisia nel mirino. Abbiamo cominciato quel viaggio con Achtung Baby e lo Zoo TV. Continua oggi, ma quello che è successo recentemente è che sono personalmente tornato indietro ripercorrendo quei giorni in bianco e nero, perché mi manca quella persona.
Ti dirò un brano del prossimo album Songs of Experience.
“I was living a lie. I was calling it a compromise. I was making bad deals in front of everyone’s eyes. Deals now everyone denies. I was giving evidence in the court of the hearts desire, falsifying documents, virtue thrown in the fire. Sometimes I wish that I was stupid and you were not so smart. Overcome the head will always overcome the heart”
(“Stavo vivendo una bugia. La chiamavo compromesso. Stavo facendo pessimi affari sotto gli occhi di tutti. Affari che tutti ora smentiscono. Stavo fornendo delle prove nella corte del desiderio del cuore, falsificando documenti, gettando la virtù nel fuoco. A volte vorrei che fossi studio e tu non così brillante. Sopraffare la testa sarà sempre sopraffare il cuore.”)

poi prosegue:

“Lead me in the way I should go. I’m running out of chances to blow. That’s what you told me and you should know. Lead me in the way I should be. Unravel the mystery of the heart and its defense. The morning after innocence”
(Portami dove dovrei andare. Sto finendo le possibilità da sprecare. E’ quello che mi hai detto e tu dovresti sapere. Portami dove dovrei essere. Dipana il mistero del mio cuore e della sua difesa. La mattina dopo l’innocenza.”) La canzone si chiama “The morning after Innocence”.
e continua
“Is that your fountain pen? Navy with a nib of gold. Could you write your name again and do anything you were told in 10 Cedarwood Road. I’m your older self, the song of experience. I’ve come to ask for help from your song of innocence. Lead me in the way I should go. I’m running out of chances to blow. That’s what you told me and you should know”
(E’ quella la tua penna stilografica? Blu con un pennino in oro. Puoi scrivere di nuovo il tuo nome e fare tutto quello che viene detto al 10 di Cedarwood Road. Sono la tua versione più adulta, la canzone dell’esperienza. Sono venuto per chiedere una mano alla tua canzone dell’innocenza. Portami dove dovrei andare. Sto finendo le possibilità da sprecare. E’ quello che mi hai detto e tu dovresti sapere.)
Quindi la versione adulta di se stesso arriva dal sé più giovane in cerca di speranza. E’ interessante. E’ un rovesciamento. Succede questo nel nostro show. Quello che succede in questo show è che il sè più giovane fa un’arringa, turba il vecchio sè. Questo è quello che cercavamo di capire in “Bullett the Blue Sky”. Il tipo che è solito stare sulla barricata in bianco e nero raggiunge il tipo che è sull’altro lato della barricata e dice “Che ci fai qui?” dice, “C’è bisogno di tutti, dei blu, dei verdi, dei “me” e dei “te” ”. Entra in questa discussione. E’ la dialettica al centro del tour da una prospettiva poetica.
Poi, dal lato visivo, hai lo scontro tra analogico e visuale. Alcuni degli artwork sono fatti a mano, con disegni stampati e di contro alcuni sono rovinati, trattati. Musicalmente, hai la semplicità dei tre strumenti, la rock band, e poi ti ritrovi la parte più elettronica nella sezione Experience. Probabilmente rimpiangi di aver fatto quella domanda.

Rolling Stone: Mi puoi spiegare in che modo decidete la setlist e come scegliete l’ordine delle canzoni?

The Edge: ‘E’ una domanda molto complicata, in particolare per quello che stiamo facendo qui. C’è stata una grande riflessione. Lui voleva avere una lampadina sopra il palco per i primi pezzi, che mostrava come se gli U2 si denudassero nel momento innoncence della band, facendo riferimento agli esordi quando ci siamo formati e siamo stati influenzati dalla musica della fine degli anni ’70 e dei primi ’80, punk e post-punk. Quello è stato il nostro punto di partenza, con il quale iniziare lo show. Poi è stato come “Ok, dove andiamo da qui in poi?” E’ stato un processo fatto di tentativi di andare oltre quella prima parte della show e portarla ad una conclusione che ci soddisfacesse e nella quale credere. Abbiamo molte canzoni dei vari periodi. E’ divertente come prendendo una vecchia canzone e mettendola in un diverso momento del concerto, questa acquisti improvvisamente un altro significato’.

Rolling Stone:
In qualche modo i fans hanno messo le mani su una lista di pezzi provati in cui ci sono “I will follow” e “Out of Control”. Devo immaginare che iniziate lo show con i primi pezzi della vostra carriera?

The Edge: Questa è l’idea. Funziona. E’ un bel modo di iniziare, come in alcuni dei nostri primi concerti nei club di Dublino. Uno in cui abbiamo suonato è il “McGonagle’s” e quindi chiamiamo questa parte del concerto il “momento McGonagle’s”. Naturalmente non potrebbe essere più facile da mettere in scena. Poi sfruttiamo questi favolosi strumenti tecnologici che abbiamo predisposto per lo show. Diventa davvero divertente ed anche psichedelico e surreale, e poi lo portiamo ancora una volta da un’altra parte. Ci sono davvero quattro fasi diverse all’interno dello show, tutte con sentimenti differenti. Quindi li uniamo insieme. Fare in modo che questo percorso emozionale funzioni è la vera sfida.

Bono: Quando guardo a questi strumenti tecnologici, quello che è stupefacente è che non sono così invadenti quando sono spenti. Puoi vederci attraverso. Puoi essere perdonato per aver pensato “Questa è molto lontano dal punk rock”. Ma quella che era l’anima del punk rock per noi era il desiderio di comunicare con il nostro pubblico in modo paritario, intendendo che non ci sono divisioni tra te e la gente che viene a vederti. Effettivamente terminavamo spesso il concerto tra il pubblico. Finivamo a finire a dormire a casa degli spettatori e loro a casa nostra. C’era questa democrazia.
Iggy Pop per me è sempre stato il cantante “definitive” per me. Non era affatto soddisfatto nello stare semplicemente sul palco. Abbattere la quarta parete è sempre stato un principio basilare di ogni concerto degli U2. Questo mi riporta a quel pubblico di Los Angeles con la bandiera bianca e, in modo piuttosto bizzarro, ad una rissa in mezzo al pubblico con la bandiera della nonviolenza. Ho finito col perdere la testa. Era patetico.
Ma per sviluppare il palco B, i collegamenti satellitari, fummo i primi a farlo, una volta inventati gli auricolari IEM e quindi divenuto possibile. Poi invece di guardare soltanto allo sviluppo dei video, che utilizzammo per primi, percorremmo nuove strade con lo Zoo TV e poi con il Popmart verso un nuovo livello. Tutte queste innovazioni arrivarono da quel pensiero del 1979 “There’s no them, only us”. Fare in modo che il posto più lontano della sala sia quello migliore, è il compito di ogni artista.

Rolling Stone: L’impossibilità di suonare la chitarra cambia qualcosa? E’dura ora fare One dato che l’hai sempre suonata su questo pezzo?

Bono: Sai, Ho sempre pensato di toglierla quando la suonavo. So che stiamo ridendo dato che la band non sembra rimpiangere molto la mia abilità di chitarrista, ma non mi manca molto sul palco. Mi manca una volta sceso dal palco. Mi manca adesso. Mi manca nei camerini. Mi manca quando vuoi scrivere qualcosa e non puoi ascoltare cosa c’è nella tua testa. Abbiamo anche Terry World. Terry [Lawless] è là sotto che suona le tastiere o farà qualcosa per coprire oppure la “spoglieremo”. Ieri abbiamo spogliato l’arrangiamento di Mysterious Ways, fino a trasformarla in un semplice pezzo con la chitarra acustica. E’ un gran divertimento. Funziona.

Rolling Stone: Ho visto una lista di 43 canzoni che avete provato. Quanto cambierà lo show tra una prima e una seconda data nella stessa città?

The Edge: Dobbiamo preparare uno show di cui essere soddisfatti e poi lo scopriremo’.

Rolling Stone: Come pensate che sarà lo show tra qualche settimana o mese?

Bono: Ci pensavo oggi durante il soundcheck. Non abbiamo una grande sezione acustica. Mi piacerebbe suonare un set acustico di mezz’ora nelle seconde date, perché no? La possiamo fare. Quante canzoni hai detto che abbiamo provato?

Rolling Stone: Ho visto una lista di 43.

Bono: Edge, dici che è vero?

The Edge: Abbiamo 60 canzoni per il tour. Non le ho provate tutte con la band. Io ne ho pronte 60. Le ho contate. Sul fatto che lui non suoni la chitarra, mi manca. Mi manca in particolar modo quando devo fare un assolo e non c’è Bono a “coprirmi”. E’ come “Oh merda. E’ davvero diverso così”.

Bono: Se ascolti molti gruppi degli anni ’70, Edge, non hanno spesso l’accompagnamento. Anche The Who. Dà più risalto al basso, ma grazie per averlo detto. L’ho apprezzato molto.

 Grazie a Dominus per la traduzione completa

Gli U2 al Fallon Tonight sulla NBC, foto e video della serata

E’ andata in onda da poche ore la trasmissione di Jimmy Fallon, “The Tonight Show with Jimmy Fallon” con la puntata interamente dedicata agli U2. LA band è stata intervistata da Fallon e si è esibita live in alcuni pezzi:

Beautiful Day
Angel Of Harlem
Song For Someone
California (There is no end to love) [non trasmessa dalla nbc]

Beautiful Day

Angel Of Harlem

Song For Someone

Vi proponiamo il video di una parte dell’intervista rilasciata dagli U2 al Fallon Tonight

Di seguito anche alcune foto durante l’esecuzione di Song for Someone e video della performance di Angel of Harlem durante l’apparizione alla NBC

fallon2

fallon3

fallon4

fallon5

Video Angel of Harlem

La band irlandese ha eseguito anche Beautiful Day.

Al seguente link il video della gag tra Bono e Fallon sull’incidente accorso al cantante irlandese

Fonte