U2: l’ultima parola su iTunes

Il magazine Rolling Stone ha pubblicato un’intervista a Bono e The Edge, per dare l’ultima parola sul rilascio di Songs of Innocence su iTunes, non prima di dire qualcosa sul prossimo tour: “Sarà una battaglia essere in forma per il 14 maggio.” dice Bono riferendosi alla data di apertura del prossimo tour a Vancouver, e sulle sue attuali condizioni di salute: “Il mio mancino è un po’ complicato, ma il mio gancio destro è sicuramente pronto.” mentre sui prossimi concerti invece promette che “Abbiamo pianificato qualcosa di incredibile, e sono pronto a lottare per questo.”

Un sondaggio della società Kantar ha rilevato che il 23% degli utenti di musica su dispositivi iOS Apple ha ascoltato almeno una canzone degli U2 nel gennaio 2015 e il 95% almeno una canzone da Songs of Innocence. Sulla metodologia del sondaggio Bono dice: “Non ho la più pallida idea! Credo che sia possibile che avrebbero potuto scegliere a caso migliaia di individui con un gusto impeccabile, che non sono eccessivamente influenzati dalla frenesia che trasforma la blogosfera se c’è una goccia di sangue nell’acqua.”

Riguardo le polemiche seguite alla distribuzione di Songs of Innocence su iTunes, The Edge dice: “Molte persone, me compreso, non leggono le istruzioni. Quando si seleziona download automatico su iOS, tu stai sottoscrivendo che accetti l’invio di contenuti gratuiti. Non è scritto in piccolo e c’è una casella da spuntare. Capisco come e perché la gente si è infastidita, ma con tutto quello che sta succedendo nel mondo… dai. La Apple e gli U2 erano sinceri su tutta questa faccenda. Alla Apple sono stati generosi e noi stavamo cercando di fare qualcosa di diverso. Ci sono sempre delle difficoltà iniziali quando sei in un nuovo territorio. La gente pensava che visto che stavamo dando l’album gratis, improvvisamente tutta la musica sarebbe diventata gratis, ma è vero il contrario. Noi crediamo vivamente che tutti gli artisti dovrebbero essere pagati per il loro lavoro. Ma noi, come ogni musicista, dobbiamo cercare altri modi per essere pagati ed eravamo nella posizione di usare questa possibilità.”

Su questa era digitale, sul valore che le persone danno ora alla musica, il modo in cui la ascoltano e come potranno influenzare il modo in cui si rilascia nuova musica in futuro, The Edge dice che “Siamo all’alba di questo. Quello che è facile dimenticare quando vivi in tempi moderni è che sono moderni per circa altri trenta secondi. Tra pochi anni guarderemo indietro a questi tempi come ora guardiamo indietro a videoregistratori e telefoni a disco. Quando è arrivata la radio, tutti pensavano che era la fine degli spartiti. Penso che la musica si è svalutata nel mondo commerciale, ma non per gli amanti della musica e per le persone che fanno, Apple e gli U2 lottano molto affinchè gli artisti siano pagati. In futuro la tecnologia deve servire la musica, non esserne schiava. Possiamo sfruttare i vantaggi della tecnologia e lo facciamo.”

Sempre riguardo la resistenza di Songs of Innocence su iTunes nonostante le polemiche, Bono aggiunge: “Sembra noioso, ma la nostra cura al momento è scrivere canzoni, cercando di portare gli U2 al prossimo livello. So che l’arte può essere una cosa pericolosa, ma noi facciamo affidamento alla magia presente nella stanza quando suoniamo insieme. Una parte speciale di chitarra, un pensiero forte o uno stato d’animo. Ma quando diventi più vecchio ottieni anche di più da te stesso, cercando melodie eterne, alla ricerca di una coerenza con il testo. C’è una domanda che ti assilla nella testa, che richiede una risposta che tu devi trovare in una canzone. Perché qualcun altro ti dovrebbe ascoltare? Leonard Cohen la chiama “la torre di canzone”. Queste canzoni hanno preso un po’ di tempo, ma so che possono resistere, ed io sono ancora aggrappato ad alcune di loro.

fonte: rollingstone.com

Bono avvistato nella giornata di ieri a Dublino!

B-JQYoWIMAAI-9e.jpg large

Nella giornata di ieri è apparsa una nuova foto di Bono a Dublino insieme ad un fan.
Questa foto rappresenta la prima foto del leader degli U2 del 2015, l’ultima apparizione pubblica e documentata del rocker irlandese è datata 24 dicembre 2014 ad una cena natalizia sempre a Dublino (Vedi News).

Ultimamente tutti i membri della band sono stati individuati tutti in luoghi diversi, The Edge a Los Angeles mentre Adam Clayton e Larry Mullen Jr. tra Dublino e Londra.
L’ultima apparizione comune della band al completo risale a novembre del 2014 durante l’attività di promozione di ‘Songs of Innocence’ prima dell’incidente di Bono in bici a New York.
Vi ricordiamo che mancano meno di 90 giorni alla prima data di Vancouver del iNNOCENCE + eXPERIENCE Tour 2015 il prossimo 15 maggio.

Bono e gli U2 per il libro Sons + Fathers

Gli U2, insieme ad altri nomi noti come Bill Clinton, Paul McCartney e Bob Geldof, hanno contribuito ad un nuovo libro dal titolo Sons + Fathers, che celebra il rapporto unico tra padri e figli ed è ispirato ai disegni fatti da Bono per suo padre quando stava per morire, e servirà a raccogliere fondi per la Irish Hospice Foundation.
Il libro sarà disponibile da maggio ma è già possibile prenotarlo sul sito della Irish Hospice Foundation.

Bono con action/2015 ai leader del mondo

Bono insieme ad altri 31 personaggi noti (tra questi Malala Yousafzai e Desmond Tutu) ha sottoscritto una lettera indirizzata ai leader del Mondo per sostenere la campagna di action/2015 per mettere in atto azioni concrete per arrestare i cambiamenti climatici prodotti dall’azione umana, sradicare la povertà e rimuovere le disuguaglianze entro il 2030.

http://youtu.be/o0HjIBDB1QY

Il testo della lettera:

Cari Leader del Mondo e cari Chiunque altro,
Ci sono momenti nella storia che diventano di svolta. Secondo noi il 2015 sarà uno di questi. Sarà l’anno più importante, dall’inizio del nuovo millennio, per prendere delle decisioni globali.
Crediamo che sia veramente possibile che il 2015 si concluda con un nuovo accordo globale per un percorso condiviso verso un futuro migliore e più sicuro per le persone e per il pianeta, che ispirerà i cittadini di tutto il mondo. Possiamo scegliere la strada dello sviluppo sostenibile. Oppure no, impedendo che ciò accada per generazioni. Da che parte della storia volete stare?
Ci sono milioni di voci che potreste decider di ignorare – voci di persone che voi rappresentate. Sono voci di tutte le età e di ogni parte del pianeta: voci di ragazze che oggi non possono avere un’istruzione, o di madri incinte che non hanno cure adeguate, di giovani che non hanno un lavoro dignitoso o di famiglie appartenenti a minoranze che subiscono discriminazioni da pubblici ufficiali corrotti, o agricoltori costretti a migrare nelle città come rifugiati a causa dei cambiamenti climatici, e di miliardi di altre persone. Le loro voci ruggiranno sempre più forti contro l’ineguaglianza e l’ingiustizia che inchioda le persone alla povertà. Tutti loro e noi che stiamo dalla loro parte vi chiediamo di arrivare ad un nuovo, grande accordo globale per la nostra unica famiglia umana, e poi di metterlo in atto tutti insieme. La grande notizia è che nel 2015 avete la storica opportunità di fare questo.
Due cruciali Summit delle Nazioni Unite si terranno quest’anno. Il primo in settembre, dove il mondo deve stabilire nuovi obiettivi per sradicare la povertà estrema, combattere la disuguaglianza e assicurare un pianeta più sostenibile. Il secondo è il summit sul clima a dicembre, dove dovremo fare in modo che il benessere delle persone, oggi, non vada a discapito del futuro dei nostri bambini.
Insieme alle cruciali discussioni sui finanziamenti, queste opportunità sono le più grandi che abbiamo in questo periodo. Sappiamo dai passati sforzi contro Aids, malaria, malattie prevenibili e buco dell’ozono, che se ci mettiamo insieme si può ottenere molto di più.
Tuttavia, a qualche mese dai 2 summit, pochi leader stanno giocando il ruolo guida di cui c’è bisogno. Vediamo progressi nel clima ma non ancora della scala richiesta. Vediamo una serie di obiettivi enormemente ambiziosi ma che sono privi di senso se non c’è un coraggioso finanziamento e accordi al più alto livello per realizzarli.
Se questo non cambia, abbiamo paura che voi e i vostri colleghi possiate condurre come dei sonnambuli il mondo verso uno dei più grandi fallimenti della storia recente. Non è troppo tardi per cogliere l’occasione. Noi vi chiediamo di contribuire a guidare questo cambiamento.
Siamo chiari: le azioni che prenderemo nel 2015 decideranno in quale direzione il mondo vuole andare per i decenni a venire. Per favore prendiamo la direzione giusta.
Vostri:
Aamir Khan, Attore e campaigner
Angelique Kidjo, Cantante, cantautrice e attivista
Annie Lennox, OBE, musicista e attivista
Ben Affleck, Attore, Filmmaker e Fondatore di Eastern Congo Initiative
Bill Gates, Co-Chair della Bill & Melinda Gates Foundation
Bono, leader degli U2 e confondatore di ONE and (RED)
Dbanj, Musicista e attivista
Arcivescovo Emerito Desmond Tutu
Gro Harlem Brundtland, già Primo Ministro, Norvegia
Hugh Jackman, Attore
Kid President – Brad Montague e Robby Novak
Prof. Jeffrey Sachs, Direttore Earth Institute e autore di The Age of Sustainable Development
Jimmy Wales, Fondatore di Wikipedia
Jody Williams, 1997 Nobel per la Pace e Presidente della Nobel Women’s Initiative
José Padilha, Regista
Leymah Gbowee, 2011 Nobel per la Pace
Malala Yousafzai, Co-Fondatrice del Malala Fund Nobel per la Pace 2014
Mary Robinson, Presidente, Mary Robinson Foundation – Climate Justice
Matt Damon, Attore e Fondatore di Water.org
Melinda Gates, Co-Presidente della Bill & Melinda Gates Foundation
Mia Farrow, Attore e attivista
Mo Ibrahim, Filantropo e campaigner
Muhammad Yunus, Premio Nobel per la Pace 2006
Queen Rania Al Abdullah, Regina di Giordania
Richard Branson, Fondatore del Virgin Group
Ricken Patel, Presidente e Direttore esecutivo di Avaaz
Sharan Burrow, Segretaro Generale dell’ International Trade Union Confederation
Shakira, Cantante e cantautrice, UNICEF Goodwill Ambassador
Sting, musicista, cantante, cantautore e attivista
Ted Turner, Presidente, United Nations Foundation
Wagner Moura, Attore
Yvonne Chaka Chaka, Presidente della Princess of Africa Foundation

fonte: action2015.org
traduzione: huffingtonpost.it

 

“Little book of a big year”: il 2014 di Bono dalla A alla Z

Su U2.com è stato pubblicato un articolo dal titolo “LITTLE BOOK OF A BIG YEAR: Bono’s A to Z of 2014″, dove Bono confida ai fan degli U2, con i quali sente di avere una relazione molto profonda, il suo personale resoconto dell’anno appena trascorso (e non solo), parlando anche del suo recente incidente, che gli impedirà tra l’altro ogni apparizione pubblica fino all’inizio del prossimo tour.

In ordine alfabetico Bono scrive il suo pensiero riguardo la moglie Ali, gli altri tre membri della band, i sui figli, che gli hanno regalato a Natale una foto scattata davanti la sua vecchia casa a Cedarwood Road

i social media, papa Francesco, EDUN

http://youtu.be/jrEX4jpVtzQ

i fan, gli amici

il suo glaucoma, la famiglia, iTunes

http://youtu.be/i0heshdNIQg

la canzone Invisible

il suo incidente in bicicletta, Gesù

Jimmy Fallon e Kanye, Mandela e Malala, la ONE Campaign, gli Oscar

Quincy Jones, (RED)

Songs of Innocence, il Sustainable Development Goals

http://youtu.be/gTs8hclMTxc

l’estremismo islamico, i concerti dal vivo, la musica si Internet, il Websummit, la radiografia del suo gomito…

Il testo completo è disponibile su U2.com:
www.u2.com/news/title/little-book-of-a-big-year/

Cena di Natale a Dublino: Nuove foto di Bono dopo l’incidente

244207A000000578-0-image-a-26_1419462882296

Nella giornata di ieri Bono è stato avvistato presso il ristorante ‘The Cliff Townhouse’  a Dublino insieme sua moglie Ali e Larry Mullen Jr.
Il rocker irlandese ha partecipato ad una cena natalizia insieme ad altre celebrities irlandesi.
Qualcuno si aspettava la classica esibizione del leader degli U2 a Gafton Street per il ‘busking‘ per la vigilia di Natale ma le condizioni di salute non lo consentivo.
Tali condizioni comunque continuano a migliorare visto che questo è il secondo avvistamento di Bono a Dublino dopo il precedente di qualche settimana fa.
Delle buone notizie dopo il suo ritorno nella capitale irlandese immediatamente successivo all’operazione subita dopo la caduta in bicicletta a Central Park a New York a novembre (Vedi News), la prognosi prevedeva un recupero completo a tre mesi dall’incidente e queste immagini tendono a confermare un decorso positivo delle sue condizioni di salute.

Vi riportiamo le foto scattate nella serata di ieri:

2441FB8A00000578-0-image-a-80_1419462814200 2441FB8E00000578-0-image-a-81_1419462822651 10487424_830693086989895_4041226451501656967_n

L’annuncio ufficiale del nuovo tour degli U2 sarà fatto questa settimana? [Rumor]

0009bd91-630

In questi ultimi giorni si sono susseguiti numerosi rumor in merito sopratutto all’imminente annuncio del nuovo tour mondiale degli U2.
Nella giornata di ieri i nostri amici di U2Valencia hanno ripreso la notizia secondo cui questa settimana ci sarà l’annuncio del nuovo tour, specificando che per quanto riguarda il concerto della band irlandese a Barcelona al Palau St.Jordi previsto per novembre 2015, i biglietti verranno messi in vendita il prossimo 9 dicembre.

Un altro rumor pubblicato dal Irish Indipendent, vede una posticipazione dell’annuncio del tour mondiale a seguito dell’infortunio di Bono la scorsa settimana a New York (Vedi News), tale fonte indica come tempi di recupero un periodo massimo di 3 mesi.
Tale rumor conferma in parte l’intenzione della band di cominciare il tour dagli Stati Uniti dalle arene in maggio e in Europa a settembre da Torino (Vedi News), ma l’annuncio finale di un tour ormai definito in ogni sua parte è solo rimandato per valutare al meglio le condizioni di Bono e decidere se posticipare l’inizio o meno del tour (si parla eventualmente di un inizio del tour a giugno).
Sicuramente in questi giorni ne sapremo di più.

Vi ricordiamo che questo è un rumor e come tale deve essere inteso, eventuali annunci ufficiali della band verranno pubblicati quanto prima.

Stay Tuned!

Incidente a Bono, il bollettino medico

New York Presbyterian Hospital

In seguito all’incidente che ha coinvolto Bono mentre andava in bicicletta a Central Park (vedi news), è stato diramato il seguente bollettino medico:

Il 16 novembre Bono è stato coinvolto in un incidente in bicicletta ad alta energia cercando di evitare un altro cilista. Presentato come un sospetto trauma al pronto soccorso del New York Presbyterian Weill Cornell, gli esami diagnostici con raggi X e TAC multipla hanno mostrato lesioni che includono:
1. Frattura facciale sinistra che coinvolge l’orbita dell’occhio.
2. Frattura alla scapola sinistra in tre pezzi separati.
3. Frattura dell’estremità sinistra dell’omero, con frattura scomposta in sei diversi pezzi. E’ stato portato in emergenza in sala operatoria per un intervento chirurgico di cinque ore, domenica sera quando il gomito è stato pulito e rimosso il tessuto lacerato, un nervo è stato spostato e l’osso riparato con tre lastre di metallo e diciotto viti.
4. Il giorno dopo è stato operato alla mano sinistra per riparare la frattura del quinto metacarpo.
Per il paziente servirà terapia intensiva e progressiva, ma è previsto un recupero completo.

Dottor Dean Lorich
Chirurgo ortopedico del New York Presbyterian/Weill Cornell Medical Center and Hospital For Special Surgery

fonte: rollingstone.com

Bono cade in Central Park, verrà operato

bonobici

Non è un buongiorno per i fans U2. E’ notizia dell’ultim’ora infatti che Bono sia caduto in Central Park durante una passeggiata in bici. Come riportato da u2.com il leader della band verrà presto operato.
Rimandata la settimana da Fallon (vedi news) per ora, come nel comunicato di Adam, Larry e Edge:

Sembra che dovremo rimandare la nostra presenza al Tonight Show – siamo un uomo in meno. Bono si è ferito al braccio in una caduta in bicicletta a Central Park ed è necessario un intervento chirurgico. Siamo sicuri che il suo sarà un recupero completo e veloce, quindi ci rivedremo presto! Molte grazie a Jimmy Fallon e a tutti per la comprensione.

Un grande in bocca a lupo a Bono da tutti noi!

Fonte: u2.com

Bono a Londra per registrare “Do They Know It’s Christmas?” per Band Aid 30

© Andrew COWIE / AFP © Andrew COWIE / AFP

Come anticipato qualche giorno fa (vedi NEWS) Bono ha partecipato ad una nuova registrazione della canzone “Do They Know It’s Christmas?” insieme ad altri artisti come Bob Geldof, Midge Ure, Chris Martin e molti altri. La registrazione è avvenuta ieri pomeriggio a Londra presso i Sarm Studios, gli stessi studi dove venne registrata la canzone anche nel 1984 per il primo Band Aid. QUI potete trovare una serie di foto dell’arrivo di Bono agli studios.

bandaid30

Il ricavato della vendita del singolo verrà devoluto alla lotta contro l’epidemia del virus Ebola in Africa. Per maggiori informazioni su come poter sostenere questa iniziativa acquistando la canzone rimandiamo al sito ufficiale Band Aid 30.

Qui potete trovare una breve intervista rilasciata da Bono ad un’emittente televisiva al suo arrivo dove il cantante spiega il senso di questa iniziativa:

Il video del singolo verrà probabilmente trasmesso proprio questa sera durante la puntata del reality musicale. Come sempre vi aggiorneremo in merito.

UPDATE

Ecco il video trasmesso poco fa ad X-Factor UK:

Fonti | Contactmusic / Band Aid 30